L’auto di Google salvera’ tante vite

Google continua con il suo progetto di auto a guida autonoma e gia’ adesso la sta sperimentando sulle strade della California, nel frattempo emergono interessanti studi…

guida automatica google car

L’auto a guida automatica di Google, senza guidatore umano, promette di fare grandi cose in termini di comodità, ma non solo, potrebbe anche ridurre in modo drastico il numero di incidenti stradali. Alcune stime parlano, solo per l’Italia, di almeno 3000 decessi in meno sulle strade, negli Stati Uniti quasi 30 mila morti evitati ogni anno.

Rapporto Istat sugli incidenti stradali in Italia

Nel 2014 , in Italia, si sono verificati 177.031 incidenti con lesioni alle persone, i morti sono stati 3.381. Le cinture di sicurezza ed airbag hanno certamente aiutato a far scendere il numero dei feriti, ma il numero dei morti continua a rimanere molto alto. L’OMS ricorda che nel Mondo, muiono circa 1,2 milioni di persone ogni anno a causa di incidenti stradali.

Dopo aver letto queste informazioni la nostra curiosità è andata ad un altro dato che forse ha sorpreso molti scettici sulla guida autonoma: la Google Car a guida autonoma non ha fatto alcun incidente durante i migliaia di chilometri percorsi lungo le strade Californiane.

Una ricerca eseguita da Mckinsey&Company rileva che entro il 2050 le uato a guida autonoma saranno il principale mezzo di trasporto negli Stati Uniti e nelle nazioni occidentali più avanzate (speriamo di farne parte anche in quella data). Le automobili automatiche ridurrano gli incidenti fino al 90%. Naturalmente è solo una ricerca, una previsione sul futuro, ma occorre però precisare che se la maggior parte degli incidenti (come documentato) accade a causa dalla distrazione del conducente e in second’ordine alla sua eccessiva velocità, la ricerca conclude che solo negli Stati Uniti porterebbe ad un risparmio di costi sanitari per almeno 190 miliardi di dollari ogni anno, oltre a salvare vite, ovviamente.

A che punto siamo con le auto a guida automatica?

Il salto tecnologico è enorme, ma il livello di comodità, praticità e sicurezza sarebbe fantastico. Le macchine di Google sono in prima fila con il loro progetto ormai molto avanzato (è cominciato nel 2009). Grazie a delle autorizzazioni speciali stanno già circolando, in fase di test, in alcune strade principali, ma per ora poco nei centri abitati.

Anche la tecnologia casa automobilistica Tesla sta sperimentando questa possibilità, anche se i vertici ribadiscono che per ora sono più interessati ad una assistenza alla guida, più che una guida autonoma. Voci di corridoio parlano anche del colosso Apple, la Mela più famosa del Mondo sarebbe interessata ad una macchina autonoma elettrica che potrebbe apparire nel 2020 per importanti test sulle strade americane.

Google car coinvolta in un incidente

Una curiosità abbastanza divertente è che effettivamente una Google car, nel 2015, è stata coinvolta in un incidente stradale, secondo i rapporti stilati dagli sperimentatori di Google. Solo che, al momento dell’impatto, l’auto era sotto controllo manuale (un tecnico la stava guidando in modo tradizionale). Secondo la legge americana, infatti, durante i test la macchina non può “girare” da sola, occorre sempre che un umano sia seduto a fianco del posto di guida.

E’ certamente evidente che le Google car non fanno incidenti anche a seguito di impostazioni di guida estremamente prudenti. Il software di Google riconosce la strada, corsie, cartelli e ostacoli improvvisi, allo stesso tempo, però, nei test stradali, questa auto speciale ha una velocità massima di 50 Km/h. Ad ogni modo le varie auto immesse nel circuito stradale hanno pur percorso 3 milioni di chilometri accumulando una esperienza di guida pari a 75 anni.

software google car guida automaticaIl software della Google car che identifica il tragitto, ostacoli e cartelli stradali

Premesse molto incoraggianti, ma il 2020 è vicino

Google car pensa di poter immettare sul mercato i primi prodotti commerciali dopo il 2020, ma la data ormai è prossima, ce la faranno? Oltretutto c’è ancora da affrontare il vasto capitolo della regolamentazione legislativa, soprattutto riguardo alle assunzioni di responsabilità causate da una auto automatica. Chi pagherà? Ci saranno assicurazioni pronte ad assicurare automobili a guida automatica? Probabile comunque che i primi modelli saranno solo mezzi di trasporto pubblico, una specie di taxi ultra-tecnologico.

Lascia un commento e ti risponderò!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.