ANARCHIA.com

Tutto gratis dalla rete, no a pagamento, no shareware, no trial, no demo, tutto ciò che è Free!
Risorse più viste - Ultime Risorse aggiunte - Risorse più votate - Risorsa casuale Contatti e Privacy -
Normativa Cookies

 

 

Home >> Pagina Precedente >> Dettaglio Risorsa Gratis

 

 

Agenzie per il Lavoro


In breve:
Una rapida guida su come funzionano le agenzie interinali per la ricerca del lavoro. Da leggere

Dettagli (articolo di Mario Mazzocchi ) :



Come funzionano le agenzie interinali

In questo periodo capita a tantissime persone di cercare lavoro e la maggior parte di voi, molto probabilmente, per avere una mano, si sono indirizzati verso le agenzie per la somministrazione del lavoro. Le agenzie di lavoro interinale sono molto attive sul territorio italiano e svolgono la funzione parallela dell’istituto di centri per l’impiego.

Ovviamente rispetto ai centri dell’impiego, si differenziano da essi perché sono agenzie private e tutti i lavoratori in cerca di una nuova occupazione, possono iscrivere a tutte le agenzie per il lavoro di tantissime città, senza avere la necessità di essere residente in una determinata città piuttosto che in un’altra.

Molti si chiedono a cosa servono le agenzie per il lavoro, in dettaglio, possiamo dirvi che queste agenzie svolgono una duplice esigenza. Le aziende si indirizzano a loro per avere un lavoro interinale, ovvero dei lavoratori provvisori solo per i periodi dell’anno più intensi o dove viene richiesta una presenza maggiore di personale.

Dall’altra parte anche i lavoratori possono usufruire dei servizi offerti dalle agenzie internali, presentando le proprie competenze e rimanendo in un contesto molto flessibile. In alcuni casi, il lavoro interinale, per alcune persone si è trasformata in un impiego a tempo indeterminato, ma ovviamente ci vuole un sacco di fortuna soprattutto di questi tempi.

L’agenzia di lavoro interinale, viene riconosciuta come ente somministratore, ovvero colui che recluta sul mercato mano d’opera e prestazioni professionali per metterli a disposizione dei loro clienti. I clienti spesso vengono chiamati utilizzatori e acquistano dall’agenzia, la possibilità di utilizzare e gestire il lavoratore prescelto.

Nelle fasi di richiesta e dopo esito positivo del colloquio, l’agenzia invia il lavoratore presso l’azienda utilizzatore per svolgere un’attività lavorativa sotto la direzione dell’azienda. Infatti, è necessario sottolineare che il lavoratore che viene assunto è pagato dall’agenzia. Cosa significa tutto questo? Che l’agenzia paga il lavoratore anche se la persona scelta dall’azienda, verrà gestita sempre dall’agenzia interinale.

Le persone che si avviano per la prima volta al lavoro interinale, si chiedono quali siano i tipi di contratti offerti. Quali contratti lavorativi vengono suddivisi tra lavoratore, utilizzatore ed agenzia? Il processo che avviene è il seguente:

l’azienda che richiede personale, stringe un accordo con l’Agenzia attraverso un contratto di fornitura in cui vengono chiariti tutti i dettagli del servizio che l’agenzia può offrire all’azienda e al lavoratore. Allo stesso tempo, l'agenzia fornisce al lavoratore il contratto di prestazione, secondo cui egli è dipendente dell'agenzia stessa ma presta lavoro in una ditta esterna utilizzatrice.

Quindi è necessario ricordarsi che di solito, vengono forniti due diversi contratti stipulati con la somministrazione del lavoro, il primo è il contratto di somministrazioni di lavoro, stipulato tra azienda e agenzia e anzienda e l’altro tra l’agenzia e il lavoratore.

E’ utile ricordarsi a fini di evitare delle illusioni, che le assunzioni sono di natura a tempo determinato e il lavoro rilasciato sostituisce quello interinale per effetto del D. lgs. n° 276 del 2003, artt. da 20 a 28, sulla base della legge delega n° 30/2003 (legge Biagi).

Al termine del contratto a tempo determinato, la persona assunta per il breve periodo di tempo, potrà essere assunto direttamente dall’azienda e in questo caso, l’agenzia di lavoro interinale avrà svolto il suo ruolo di tramite e da quel momento non avrà più nessun tipo di rapporto tra il lavoratore e l’azienda.

Quali sono le differenze tra lavoro somministrato e lavoro interinale? Lo sapevate che la legge basata sul lavoro somministrato, offre alcuni vantaggi alle aziende? Infatti, basta che le società interessanti dichiarino una necessità legata a una ragione di carattere oggettivo per poter utilizzare di lavoratori in “prestito” senza limiti di utilizzo.

I disoccupati che intendono intraprendere una collaborazione con le agenzie di lavoro interinale, devono ricordarsi che in qualità di lavoratori si è costretti ad un rapporto lavorati con un somministratore, un soggetto autorizzato a prendere delle precise regole previste dalla legge. Ovviamente in questo caso si tratta di leggi del Ministero del lavoro e dell’Agenzia del lavoro che deve essere registrata in un apposito albo.

Il lavoratore viene richiesto ed utilizzato da un terzo soggetto utilizzatore ( altro non è che l’azienda) che nel periodo interessato, decide di assumere la direzione ed il controllo con possibilità di appalto e distaccamento presso altre strutture. Insomma, mettetevi in testa che una volta firmato il contratto, se l’azienda vi richiedere di andare nella sede distaccata per svolgere le vostre mansioni, voi dovrete farlo.

L'utilizzatore non assume tuttavia il potere disciplinare, che rimane riservato al somministratore, al quale però l'utilizzatore può comunicare gli elementi che possano costituire oggetto di contestazione disciplinare.

E’ necessario sottolineare che al lavoratore prescelto, spetta la stessa retribuzione che non dovrà essere inferiore a quella dei lavoratori dipendenti dell’azienda. Inoltre, l’azienda che richiede lavoratori interinali, sarà comunque costretta ad avere i corretti trattamenti retributivi e contribuiti Inps.

La funzione delle agenzie di lavoro temporaneo è anche quella di analizzare il profilo personale più adatto alle richieste aziendali. Alcune agenzie si occupano della selezione del personale con differenti profili , gestirà nel dettaglio i contratti di lavoro, la busta paga, le comunicazioni con il Centro per l’impiego e l’erogazione dei ticket pasto.

Inoltre, agenzie come Adecco per esempio, offrono anche dei corsi di formazioni base o professionali, per offrire il meglio alle aziende clienti. Le Regioni possono accreditare le Agenzie per il lavoro, ma solo a livello regionale. Le Agenzie autorizzate o accreditate devono essere iscritte in un apposito Albo unico delle Agenzie per il lavoro, istituito presso il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale.

 Info su questa risorsa gratuita 
:: Inserito: 05 08 2011 :: Aggiornato: 05 08 2011 :: :: Punteggio: 0.00 (0 votes) ::
:: Clicks in questo mese: 1 :: Clicks totali: 66 :: Commenta questa risorsa :: Segnala un errore


 Trova altre risorse Gratis simili in questa categoria 
Economia e Lavoro - Offerte Richieste Lavoro - Agenzie lavoro temporaneo

 Commenti degli utenti su questa risorsa gratuita 

Nuovi Articoli

Usare Chrome con Tor per essere anonimi
Immagini infette su Facebook e Linkedln
Falla pericolosa nel browser Firefox
LibreOffice documenti in formato Word ed Excel
Ricaricare il cellulare in pochi secondi
Vecchie versioni di programmi
Rendere Dropbox sicuro
Administrator Windows blocca i programmi
La concorrenza di Amazon Music
Impedire esecuzione di un Crypto virus
Trucco per installare sempre Windows 10 gratis
Assistenza con voce dallo Smartphone
Come attivare Tim 4G gratis
Siti online gratuiti per creare video
Programma WhatsApp per chat da Pc
Come ottenere il rimborso per una App
Scadenza upgrade Windows 10
Google Youtube concorrenza a Netflix
Guida per collegare il Pc alla Tv
Open365 un Office online gratuito
Canva programma grafica professionale online
Come riconoscere le bufale in Internet
WhatsApp nuovi aggiornamenti dell'app
Roaming europeo nuove tariffe
Browser velocissimo per Windows e Macintosh

 

Nuovi articoli

  

Anarchia.com non è in alcun modo collegato con le risorse gratuite recensite. L'aggiornamento
di questo sito avviene in modo saltuario, quindi, non può essere considerato una testata giornalistica
o un periodico o comunque un prodotto "editoriale".