Cancellare Indirizzi Siti e Navigazione in Internet

Ormai siamo tutti controllati, e ancor peggio in famiglia o sul luogo di lavoro. Come fare allora a cancellare con sicurezza le tracce delle nostre navigazioni in Internet? Ecco un articolo esaustivo

Inutile nascondere il problema: il nostro computer può rivelare tantissimo di noi. Non basta proteggere la nostra email o account Facebook con delle password, in realtà chiunque (un famigliare, la fidanzata o un collega) può accedere al nostro computer ed esaminare nei dettagli cosa abbiamo visitato e i nostri comportamenti abituali. E non è così difficile come credete, oggi con Google si può imparare rapidamente dove “rovistare” anche per persone che a prima vista sembrano degli autentici incapaci al computer. Addirittura esistono semplici programmi che aiutano a “spiare” cosa ha fatto un utente con il suo Pc e non sono assolutamente difficili da usare! Quindi occhio alla vostra privacy prima di tutto!

Per chi non lo sapesse non è sufficiente cancellare i cookies e la cronologia dei browser, Windows purtroppo ha dei “ragionieri” interni che continuano a registrare le vostre attività. Quindi meglio chiarire per bene questa situazione prima che qualcuno si creda al sicuro, apportando delle modifiche al sistema che in realtà sicure non sono.

Il nemico numero uno della nostra privacy in Internet è (parliamo ovviamente di sistemi operativi Windows): index.dat. Questo file, spesso nascosto nel sistema operativo, non è normalmente visibile, ma tramite alcuni programmi può essere aperto e visionato agevolmente. Index.dat in pratica registra la cronologia dei vari siti che abbiamo visitato. Lo scopo originario dei programmatori di Windows non era quello di spiarvi, ma di memorizzare la navigazione in Internet per rendere sempre più veloce ed efficiente la visualizzazioni delle pagine in successive sessioni.

Potete fare subito una prova per verificare ciò che diciamo. Andate in una cartella qualsiasi di Windows e, dal meù in alto entriamo in Strumenti–> OpzioniCartella–> Visualizzazione–>. A questo punto selezioniamo “Visualizza Cartelle Nascoste“, quindi avremo reso visibili tutti i file nascosti e soprattutto gli index.dat registrati sul nostro Pc. Ora eseguite dal bottone Start—>Ricerca inserendo nella apposita casella index.dat. Una volta individuati questi file provate ad aprirne uno con un qualsiasi editor di testo e certamente visualizzerete tutti i siti che avete visitato.

Ora che conoscete la pericolosità di un file come index.dat, per la vostra privacy, proviamo a cancellarlo. Se ci provate direttamente Windows vi avvertirà che non può farlo perchè il file è in uso. Manualmente esiste un procedimento ben preciso per cancellare questi file, ma perchè dobbiamo smanettare quando esistono dei programmini sicuri ed efficienti che possono fare il lavoro per noi? Ne avevamo recensiti alcuni già in passto: ed eccoli qua.

Privacy Mantra (clicca sul nome per accedere), non solo cancella il famigerato index.dat, ma anche i file: history della navigazione, cache, coockie, auto-completamento form, assistente di ricerca, documenti aperti di recente, applicazioni eseguite. Un programma, che seppur in lingua inglese, è molto valido.

Altro programmino simile è Index.dat Suite (clicca sul nome per accedere alla scheda). Funziona molto bene cancellando il famigerato file e altri file delle vostre navigazioni in Internet. Atro programma cancellazione index.dat e altri dati dal computer è senz’altro Index.dat Analyzer (clicca sul nome per accedere). Attenzione a non farvi ingannare dal tasto download di altri strumenti pubblicitari.
Bene, una volta che avrete usato uno di questi programmi ed avuto conferma dal software stesso d’aver eseguito la pulizia il più è fatto.
In condizioni normali nessun famigliare, collega o fidanzata potrà visualizzare la vostra attività in Internet e anche su alcuni documenti. Però, fra di voi, siamo sicuri che c’è qualche, vero, paranoico della sicurezza e se siete in questa categoria possiamo aggiungere che: non siete ancora al sicuro.Intendiamoci già queste operazioni vanno abbastanza bene e sono efficaci, ma se volete davvero la certezza al 100% che nessuna investigazione possa poi far tornare in vita precedenti file index.datcancellati dovrete usare un ultimo metodo: la sovrascrittura di file eliminati.

In effetti con alcuni software è possibile recuperare i file cancellati, Windows non li cancella mai definitivamente, e qui ci giungerà estremamente utile un programma anche in italiano: Prevent Restore (clicca sul nome per accedere alla scheda).


Questo software ha la peculiarità di distruggere (sovrascrivendo con dati casuali) file già cancellati da Windows e non toccando minimamente i file presenti. Fatelo girare per un bel po’ ed avrete la massima certezza che neanche l’FBI potrà recuperare i vostri dati già cancellati. Per sempre.
In alternativa a quest’ultimo programma potete usarne uno in italiano per cancellare lo spazio vuoto sul vostro disco rigido, eccolo qui: Files-Terminator.

Lascia un commento e ti risponderò!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.