ANARCHIA.com

Tutto gratis dalla rete, no a pagamento, no shareware, no trial, no demo, tutto ciò che è Free!
Risorse più viste - Ultime Risorse aggiunte - Risorse più votate - Risorsa casuale Contatti e Privacy -
Normativa Cookies

 

 

Home >> Pagina Precedente >> Dettaglio Risorsa Gratis

 

 

Come fanno lo Jailbreak di iPhone


In breve:
Da una parte un colosso, Apple, una delle società con maggior capitalizzazione al mondo in Borsa, dall'altra parte dei ragazzi che "bucano" ogni volta il sofisticato sistema operativo di Cupertino. Una storia che sembra un film!

Dettagli (articolo di Mario Mazzocchi ) :


Il Jailbreak è ormai diventato un termine abbastanza diffuso, soprattutto tra i giovani, nonostante il suo nome difficile (in lingua inglese evasione).
Effettuare uno Jailbreak del proprio dispositivo Apple significa "sbloccarlo" dalle impostazioni create dal produttore e da quel momento è possibile all'utente installare applicazioni non consentite tramite App Store non ufficiali (soprattutto applicazioni crakkate a 0 costi).

Apple cerca in tutti i modi di combattere questo fenomeno e, naturalmente, eseguire un Jailbreak sul proprio dispositivo invalida la garanzia.
La "guerra" tra Apple e i ragazzi hacker sta assumendo via via nel tempo contorni sempre appassionanti, arrivando a sfiorare la mitologia informatica.

Tutta la storia incominciò nel 2007 quando Apple si accorse che degli hacker erano riusciti a "bucare" il sistema iOS effettuando così il primo Jailbreak della storia. Il colosso di Cupertino rilasciò allora, in breve tempo, degli aggiornamenti per tappare la "falla", ma ormai niente sarebbe stato più come prima e anche il mitico iOS cominciò a diventare un sistema più "aperto" nonostante Apple osteggiasse a tutti i costi queste modifiche.

Il fatto che Apple avesse preso di petto il problema non scoraggiò gli hacker che, anzi, divennero ancor più numerosi formando diverse, agguerrite squadre come gli iPhone Dev Team, Chronic Dev Team, GeoHot... tutti giovani, tutti geni del computer e dell'hacking, che sfidarono apertamente Apple proprio sul terreno dove si sentiva più sicura: la "blindatura" del proprio sistema operativo iOS.

Apple investe tantissimo nella ricerca e nella sicurezza dei propri sistemi. Cupertino ha ingaggiato i migliori ingegneri in questo campo ed hanno strumenti di debugging sofisticatissimi, strumenti e risorse quasi illimitate a cui semplici hacker non potranno mai accedere.
Eppure, nonostante questa enorme disparità di forze sul campo, dopo che alcuni hacker avevano affermato che l'ultimo sistema operativo, iOS6, non avrebbe avuto alcun Jailbreak per il futuro, il team hacker Evad3rs rilascia improvvisamente un Jailbreak anche per iOS6.
E' un colpo improvviso e sconvolgente per Apple, questa volta erano convinti d'aver fatto tutto ai massimi livelli di sicurezza per l'ultimo sistema operativo, ma, ancora una volta, il loro lavoro "perfetto" è stato bucato da altri giovani hacker.

Charlie Miller, famoso hacker che ha "bucato" più volte i sistemi operativi Apple

A Marzo inoltrato il team
Evad3rs rilascerà una intervista pubblica in cui spiegherà come sono riusciti a "bucare" l'impenetrabile iOS6, ovvio che tra il pubblico saranno presenti gli inviati Apple che saranno molto interessati a questa problematica.
Negli Stati Uniti una recente sentenza ha stabilito che fare lo Jailbreak sul proprio iPhone non è illegale, anche se poi, con nuove norme da poco introdotte, sembra che sia di nuovo diventato illegale "piratare" anche il solo e proprio iPhone. A parte la garanzia, comunque, che come detto decade immediatamente.

Perchè Apple rilascia con lentezza aggiornamenti contro gli Jailbreak?


Mentre Apple rilascia quasi istantaneamente patch per problemi gravi di sicurezza, sembra meno decisa sui dispositivi jailbrekkati.
Alcuni hacker hanno avanzato l'ipotesi che in fondo ad Apple non dispiaccia poi tanto che iOS venga aperto dai Jailbreak, perchè comunque un dispositivo venduto è un dispositivo venduto, ed il fatto che si possa aprire può in realtà attirare nuovi consumatori (installare roba gratis ha sempre attirato i consumatori informatici).
Inoltre Apple sa bene che c'è un massimale di soldi che si possono avere dalle persone e chiudere immediatamente le falle dei nuovi Jailbreak non è in fondo il suo massimo interesse.
Fantascienza commerciale? Fantasie?
Sta di fatto che la guerra tra il gigante di Borsa Apple, dalle risorse tecniche e finanziarie illimitate, e i ragazzotti che fanno notti in bianco nelle loro stanzette da studenti universitari continua senza sosta e diventa ogni giorno più appassionante.

E' stato un articolo interessante? Avete suggerimenti? Cliccate qui

 Info su questa risorsa gratuita 
:: Inserito: 08 03 2013 :: Aggiornato: 08 03 2013 :: :: Punteggio: 0.00 (0 votes) ::
:: Clicks in questo mese: 8 :: Clicks totali: 29 :: Commenta questa risorsa :: Segnala un errore


 Trova altre risorse Gratis simili in questa categoria 
Telefonia, Cellulari, Smartphone

 Commenti degli utenti su questa risorsa gratuita 

Nuovi Articoli

Usare Chrome con Tor per essere anonimi
Immagini infette su Facebook e Linkedln
Falla pericolosa nel browser Firefox
LibreOffice documenti in formato Word ed Excel
Ricaricare il cellulare in pochi secondi
Vecchie versioni di programmi
Rendere Dropbox sicuro
Administrator Windows blocca i programmi
La concorrenza di Amazon Music
Impedire esecuzione di un Crypto virus
Trucco per installare sempre Windows 10 gratis
Assistenza con voce dallo Smartphone
Come attivare Tim 4G gratis
Siti online gratuiti per creare video
Programma WhatsApp per chat da Pc
Come ottenere il rimborso per una App
Scadenza upgrade Windows 10
Google Youtube concorrenza a Netflix
Guida per collegare il Pc alla Tv
Open365 un Office online gratuito
Canva programma grafica professionale online
Come riconoscere le bufale in Internet
WhatsApp nuovi aggiornamenti dell'app
Roaming europeo nuove tariffe
Browser velocissimo per Windows e Macintosh

 

Nuovi articoli

  

Anarchia.com non è in alcun modo collegato con le risorse gratuite recensite. L'aggiornamento
di questo sito avviene in modo saltuario, quindi, non può essere considerato una testata giornalistica
o un periodico o comunque un prodotto "editoriale".