Controllare Traffico Internet del Cellulare

Usare il proprio smartphone per connettersi ad Internet, attraverso le reti 3G, comporta dare sempre un occhio a quanto traffico si sviluppa. E' meglio tenere tutto sotto controllo, ecco come!


La diffusione degli smartphone e dei tablet ha permesso di avere sempre Internet a portata di mano, o meglio a portata di tap. Per connettersi alla rete con il proprio dispositivo mobile è necessario sottoscrivere un abbonamento con uno dei più famosi operatori telefonici.

Generalmente gli abbonamenti per Internet hanno dei limiti di tempo o di consumo. Ogni sessione di utilizzo, quindi, consumerà parte delle risorse a nostra disposizione e sarebbe utile conoscere, in ogni momento, quelle ancora disponibili per la navigazione.

Per scoprire in pochi secondi il tempo trascorso in rete o la quantità di dati scaricati durante la navigazione si rivelano utili applicazioni gratuite sviluppate ad hoc. Gli smartphone Android, a differenza di quelli della Apple che non presentano questa possibilità, consentono all'utente di porre un widget sulla schermata principale. Questo mostrerà le proprie informazioni, che saranno aggiornate in tempo reale, riguardanti la navigazione. Con i widget giusti, inoltre, il cliente potrà venire a conoscenza anche del suo credito residuo, così da capire quanti messaggi e quante chiamate potrà ancora fare.

Onavo Count (link) è una delle applicazioni migliori per controllare il traffico residuo. Grazie agli strumenti dell'applicativo proposto, l'utente potrà visualizzare la banda Internet consumata e il dispendio di risorse di ogni applicazione installata sul device. Questa funzionalità, non offerta da tutte le app del settore, si rivela molto utile, poiché l'user potrà venire a conoscenza di quali prodotti effettuano un consumo eccessivo di risorse. L'utente potrà bloccare velocemente il loro accesso alla rete o consentirlo solo quando il dispositivo è connesso tramite WiFi.

L'installazione di Onavo Count è velocissima. Dopo aver aperto l'applicazione sarà necessario indicare al software il proprio abbonamento, completando i campi richiesti nella scheda Set Data Plan. Salvate le informazioni, l'applicativo inizierà a monitorare il traffico, tenendo conto della banda consumata e del tempo trascorso navigando in rete.

Le statistiche riguardanti il proprio traffico sono molto accurate. L'utente potrà visualizzare i dati scegliendo se mostrare il traffico mensile, settimanale o giornaliero, oppure se visualizzare i dati complessivi, includendo anche i mesi precedenti a quello in corso.

Interessante anche la funzione di Onavo Count che permette all'applicazione di inviare una notifica push quando le risorse a disposizione iniziano a scarseggiare. In questo modo l'utente sarà portato a gestire al meglio il traffico residuo, onde evitare di dover pagare di più pochi giorni prima del rinnovo dell'abbonamento.

Onavo Count non si limita al monitoraggio del traffico, ma dispone anche di funzionalità aggiuntive come lo strumento per la previsione del consumo mensile e l'opzione per confrontare il proprio abbonamento con altri piani tariffari offerti dalla concorrenza. Talvolta l'applicazione consiglia di cambiare operatore telefonico, per ottenere servizi migliori ad un prezzo uguale o addirittura minore.

L'applicativo Onavo Count è installabile gratuitamente su tutti gli smartphone che utilizzano il sistema operativo Android. L'app è disponibile anche per i dispositivi prodotti dalla Apple, ma sugli smartphone della mela morsicata non è sfruttabile la funzione widget.

L'unico difetto, se cosi può essere definito, di Onavo Count è l'assenza della lingua Italiana. Per ora di default la lingua principale è l'Inglese. Si spera che con il rilascio delle prossime versioni vengano aggiunti nuovi pacchetti linguistici.

Ovviamente gli strumenti disponibili per monitorare il proprio traffico sono tanti. Fra le migliori alternative gratuite per smartphone Android consigliamo Phone Usage (link) e Call Meter (link). Il primo dà la possibilità di impostare le soglie massime di utilizzo del traffico Internet, in modo da impedire di superare il valore stabilito, il secondo permette un accurato controllo del proprio credito residuo.

Entrambe le applicazioni, Phone Usage e Call Meter, sono disponibili per il download gratuito e compatibili con tutti i devices che utilizzano il sistema operativo Android.

Lascia un commento e ti risponderò!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.