Spendere poco al Supermercato

I segreti dei supermercati per far spendere il più possibile i propri clienti. Non cadeteci anche voi!


A tutti capita di fare spesa al supermercato, spesso lo facciamo senza renderci bene conto di ciò che stiamo facendo. Certo, diamo un'occhiata ai prezzi, un'altra occhiata alla lista della spesa, ma non immaginiamo che dietro all'esposizione ordinata degli scaffali ci sia una gigantesca tecnologia di marketing creata per farci spendere il più possibile!

Ecco allora alcuni segreti dei supermercati, di chi ci ha lavorato per davvero e cerca di mettervi in guardia da trucchi e trucchetti più o meno evidenti.
Una regola principale del marketing è: più cose vedi, più spenderai.
Questo articolo è stato creato da un nostro collaboratore che ha lavorato per anni nei supermercati ed ha frequentato diversi corsi aziendali manageriali.

Una delle regole principale da seguire, se potete farlo naturalmente, è quello di non portare mai con voi i bambini durante la spesa al supermercato. Tutto ciò che è presente negli scaffali, ad altezza occhi bimbo seduto nel carrello, è messo lì apposta per attirare la sua attenzione. Un esempio classico sono i gelati, cioccolatini, caramelle e similari presenti alle casse, in modo tale che i bambini possano afferrare questi prodotti e pretendere di portarli a casa. Sono i cosiddetti “acquisti compulsivi” e spesso vanno a segno.

Un altro consiglio è di fare sempre la spesa a stomaco pieno, sembra una banalità, ma gli acquisti inutili o comunque superflei (negli alimentari) percentualmente aumentano sensibilmente, è stato più volte provato con vari test.

I cibi già tagliati costano molto di più. Nei reparti di cibi freschi capita spesso di vedere prodotti già pronti e tagliati, possono essere verdure, carni, prodotti pronti per essere cotti. Certo è un piccolo risparmio di tempo, ma se fate bene i conti vi accorgereste di pagare quei prodotti anche il doppio del loro prezzo, guardate il costo al chilo e fate i raffronti. Su questi prodotti “semilavorati” il supermercato guadagna un sacco di soldi a spese dei propri clienti.


I prodotti che il supermercato vuole davvero vendervi sono posizionati a fine corsia, numerosi test hanno evidenziato che le persone comprano almeno per il 30% in più i prodotti inseriti lì e non solo, le aziende pagano per essere posizionati in questi settori più remunerativi.
Fate quindi attenzione al costo e al peso dei vari prodotti, perchè se cercheranno di ingannarvi lo faranno spesso con i prodotti posizionati a fine corsia.

Il percorso che effettuate al supermercato è in ogni modo una strada quasi obbligatoria per farvi spendere il più possibile, hanno calcolato che percentualmente si riesce a guadagnare in termini di vendita anche il 60% in più costringendo i clienti a determinati percorsi. E' lo stesso motivo per cui è così facile prendere un cestino, hanno calcolato che il 75% delle persone che ha in mano un cestino compra qualcosa mentre chi è senza cestino si riduce appena al 34%.
Inoltre dovrete sempre tener presente che i prodotti ad “altezza sguardo” sono sempre i più costosi e vengono posizionati lì perchè la tendenza è spesso quella di afferrarli in maniera quasi automatica. I prezzi più bassi sono “nascosti”, perdete allora qualche secondo in più a cercare ciò che vi serve davvero e al prezzo migliore!

Paghi uno prendi due. Questo tipo di offerta ha dimostrato di poter incrementare fino al 150% i prodotti in promozione, ma dov'è il trucco? E' che con questa tipologia di offerte il supermercato in pratica vi farà consumare di più in meno tempo, pur di non sprecare il prodotto. Oltretutto dovete tener presente che spesso queste promozioni sono solo degli “specchietti per allodole” poichè una volta dentro al supermercato faranno di tutto per farvi comprare altre cose che non avreste comprato.

Fate attenzione ai prodotti civetta. Tutti noi sappiamo quanto costa pane, latte o altri prodotti di largo consumo e i supermercati lo sanno tenendo bassi questi prezzi e magari aumentando i prezzi di altri prodotti più difficili da ricordare. Non sempre un supermercato con prezzi bassi (o almeno ci sembra) è effettivamente conveniente. Appunto perchè punta spesso su pochi prodotti civetta, mentre aumenta tutti gli altri.

Le carte fedeltà che ci ricompensano con sconti futuri o con l'ennesimo servizio di piatti è tutto un guadagno per centri commerciali e supermercati: è statisticamente provato che un cliente con una carta fedeltà o carta premio sicuramente spenderà di più rispetto ad un altro che non ha l'assillo di raggiungere i premi finali.

Falsi affari. Qualche volta capita di trovare un prodotto in offerta vicino ad un altro prodotto ad un prezzo più alto, ma in realtà è un trucco: il prezzo del prodotto in offerta è più o meno lo stesso poichè è solo il prezzo alto del concorrente vicino che ci induce a credere di fare un affare!

Infine, quali sono i consigli sintetici per fare una spesa giusta e risparmiare?

1) Evitate di fare la spesa quando c'è parecchia gente.
2) Scrivete sempre ciò che vi serve e rispettate scrupolosamente la lista (a casa non siete suggestionati da tutte le tecniche dei supermercati).
3) Portate i soldi strettamente necessari per la vostra lista spesa.
4) Mai fare la spesa affamati e peggio durante una pausa pranzo.
5) Non portate con voi i bambini, vi faranno spendere un sacco di soldi in più perchè ovviamente sono più suggestionabili.
6) Controllate sempre i prezzi al chilo e non i prezzi al dettaglio.
7) Evitate di comprare cibi freschi tagliati e confezionati, costano quasi il doppio.
8) Fate una spesa grossa alla settimana invece di due-tre spese più piccole.
9) Cercate di evitare prodotti eccessivamente salati o zuccherati, danno delle vere e proprie dipendenze.
10) Evitate di guardarvi in giro quando siete alle casse, molti prodotti sono lì apposta per voi, per farvi spendere!

Vi piacciono gli articoli sul risparmio o come gestire al meglio una famiglia spendendo poco? Allora leggete quest'altro articolo di Anarchia.com: Risparmiare e non sprecare in famiglia.

Avete commenti, idee o suggerimenti per questo articolo? Commentate: cliccando qui

One Response

  1. Gabriele 7 febbraio 2012

Lascia un commento e ti risponderò!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.