Video non adatti a chi soffre di vertigini

Con questa piccola collezione video vogliamo mostrarvi come siano assurdi e pericolosi certi atteggiamenti. Finisce tutto bene, pero'…C'è una cosa che Internet ha indubbiamente amplificato negli ultimi anni, il voyeurismo digitale, ma non parliamo di video correlati ad atti sessuali. Parliamo di un'altra cosa: di adrenalina, tensione, la voglia di sfidare l'impossibile, di mostrarsi coraggiosi per fare cose in cui gli altri individui “normali” rabbrividiscono solo a pensarle.

In ogni nuovo video del genere, pubblicato, sembra che si debba sorpassare un limite precedente, fino a che, certamente, qualcuno rimarrà coinvolto in un incidente.

Ormai è un successo inarrestabile: in tutti i portali video fioriscono iniziative sempre più estreme, pericolosissime, e la cosa grave è che spesso queste immagini incitano altre persone (assolutamente inadatte) ad imitare queste situazioni non solo per farsi notare dagli amici, ma soprattutto da un pubblico globale.

I video elencati non visualizzano incidenti, ma certamente danno i brividi e soprattutto: perchè rischiare la morte solo per pochi istanti di popolarità?

Questo ragazzo è russo ed è famoso in rete per le sue azioni sempre più estreme, solo a vederlo, in questo video, un brivido gelato corre lungo la schiena.


Alex Honnold
è invece un “professionista” del pericolo, molto conosciuto tra gli arrampicatori sportivi, grazie al suo assoluto controllo mentale riesce ad affrontare situazioni pazzesche, arrampicate senza corda su pareti di roccia impossibili.


Un altro video di una pericolosità mostruosa, all'inizio del filmato c'è scritto in inglese di non imitare mai questo genere di “esercizi”, ma il timore è che l'effetto imitativo sia sempre in agguato nei nostri tempi di “affermazione dell'io digitale”.


Non possiamo che continuare a dire di non imitare assolutamente queste performance o anche cose più limitate rispetto a questo video. Le persone riprese in questi filmati hanno probabilmente anni di esperienza e doti non comuni di controllo del proprio corpo. E, nonostante questo, rischiano la vita ad ogni secondo, mentre vengono ripresi.

Lascia un commento e ti risponderò!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.