ANARCHIA.com

Tutto gratis dalla rete, no a pagamento, no shareware, no trial, no demo, tutto ciò che è Free!
Risorse più viste - Ultime Risorse aggiunte - Risorse più votate - Risorsa casuale Contatti e Privacy -
Normativa Cookies

 

 

Home >> Pagina Precedente >> Dettaglio Risorsa Gratis

 

 

Conviene telefonare con WhatsApp


In breve:
La chiamata vocale per WhatsApp ormai si sta espandendo a tutti gli utenti, ma ora sorge spontanea una domanda? Quanto consuma una telefonata WhatsApp?

Dettagli (articolo di Mario Mazzocchi ) :

Innanzitutto una buona notizia: dopo la notizia in questo articolo attivare le chiamate vocali in WhatsApp, la compagnia di chat telefonica più grande al Mondo ha deciso un ulteriore upgrade e gradualmente tutti i possessori di WhatsApp per Android vedranno attivate le chiamate vocali senza più necessità di inviti (chiamate vocali da parte di utenti già abilitati). Occorrerà solo avere pazienza ed aspettare, importante però che WhatsApp sia sempre aggiornato all'ultima versione!

Quanto consuma WhatsApp con una chiamata vocale

Ora che sarà quindi possibile chiamarsi tramite Internet, a 0 costi, sarà importante anche sapere quanti byte vengono utilizzati per queste chiamate voip. Una domanda molto interessante a chi utilizza questo mezzo di comunicazione con un limite mensile Internet di Gbyte sul proprio telefonino.

Nelle prossime settimane, uno dei soci fondatori, ha parlato davvero di pochi giorni, le chiamate vocali saranno attivate anche su iOS Apple, mentre ancora nessuna notizia per Windows Phone. A questo punto noi tutti sappiamo che per inviare messaggi con la chat il consumo di kbyte è davvero irrisorio, tanto che è possibile tranquillamente chattare anche con limiti di connessioni davvero basse (quando ad esempio si termina il credito Internet e la velocità viene abbassata quasi a 0).

Da alcuni test effettuati con dispositivi Android, reperibili su Internet, sappiamo che il consumo di una telefonata tramite WhatsApp è mediamente di 544 Kbyte al minuto. Facendo un po' di semplici calcoli si consumerebbero all'incirca 5,5 Mbyte ogni 10 minuti di chiamate e si arriverebbero ad oltre 32 Mbyte per un'ora di chiamata: 60 minuti. Calcolando, ad esempio, che personalmente, molti hanno l'abbonamento economico a 3 che fornisce settimanalmente 100 minuti di voice e 500 Mbyte di Internet, se qualcuno ha un fidanzato/a e vuole parlare un'ora al giorno è molto più conveniente utilizzare WhatsApp perchè rientrerà comunque nei 500 Mbyte a settimana senza intaccare i 100 minuti settimanali. La differenza è notevole: 60 minuti x 7 gg fanno 540 minuti, cosa impossibile da sostenere per gli abbonamenti più economici. Con WhatsApp invece potrete parlare molto di più, anche utilizzando il vostro abbonamento 3G, nel caso invece sfruttiate un collegamento Internet WiFi non avrete neanche più il problema di consumo Internet, in questo caso davvero tutto di guadagnato, senza intaccare minimamente i vostri minuti settimanali voice! Quindi le telefonate WhatsApp sono convenienti anche in Italia, non solo per telefonate internazionali, come si accenna spesso!

WhatsApp è stato lento ad implementare le telefonate, però...

E' vero che questa società è arrivata molto in ritardo ad implementare anche le chiamate vocali nella propria chat rispetto a Viber e Skype, ad esempio, ma sembra che abbiano fatto un buon lavoro perchè il consumo di kbyte è più basso rispetto ai concorrenti. Per la qualità delle chiamate occorrerà attendere ancora un po': dalle nostre prove le voci si sentono bene e la comunicazione è buona, può capitare, però, qualche fastidioso "ritorno" occasionalmente percepito dall'interlocutore chiamato via voip.

Dunque, ricapitolando: per chi non ha le chiamate vocali WhatsApp attive consigliamo di attendere perchè la società sta attivando tutti, ma dovrete comunque avere la versione più aggiornata di questa app tramite il Google Play Store. Le chiamate vocali tramite 3G convengono anche per chi ha i minuti in bundle con abbonamenti mensili, se invece sfruttate il Wi-Fi il guadagno diventa assolutamente impareggiabile. Già si prevede la disperazione di genitori con figli adolescenti sempre attaccati al telefono, il vecchio e famoso spot Telecom/Sip degli anni '80 con "Mi ami? Ma quanto mi ami?", e quindi ore e ore senza intaccare di un solo minuto il piano tariffario dell'abbonamento voice.

Nel caso vogliate approfondire l'argomento WhatsApp consigliamo anche: trucchi e consigli con WhatsApp, il divertente educazione con WhatsApp e le migliori alternative a WhatsApp nel caso non vogliate pagare l'abbonamento di 0,89 centesimi all'anno (il primo anno è gratuito).


 Info su questa risorsa gratuita 
:: Inserito: 31 03 2015 :: Aggiornato: 31 03 2015 :: :: Punteggio: 0.00 (0 votes) ::
:: Clicks in questo mese: 4 :: Clicks totali: 30 :: Commenta questa risorsa :: Segnala un errore


 Trova altre risorse Gratis simili in questa categoria 
Telefonia, Cellulari, Smartphone - Programmi Gratis Smartphone

 Commenti degli utenti su questa risorsa gratuita 

Nuovi Articoli

Usare Chrome con Tor per essere anonimi
Immagini infette su Facebook e Linkedln
Falla pericolosa nel browser Firefox
LibreOffice documenti in formato Word ed Excel
Ricaricare il cellulare in pochi secondi
Vecchie versioni di programmi
Rendere Dropbox sicuro
Administrator Windows blocca i programmi
La concorrenza di Amazon Music
Impedire esecuzione di un Crypto virus
Trucco per installare sempre Windows 10 gratis
Assistenza con voce dallo Smartphone
Come attivare Tim 4G gratis
Siti online gratuiti per creare video
Programma WhatsApp per chat da Pc
Come ottenere il rimborso per una App
Scadenza upgrade Windows 10
Google Youtube concorrenza a Netflix
Guida per collegare il Pc alla Tv
Open365 un Office online gratuito
Canva programma grafica professionale online
Come riconoscere le bufale in Internet
WhatsApp nuovi aggiornamenti dell'app
Roaming europeo nuove tariffe
Browser velocissimo per Windows e Macintosh

 

Nuovi articoli

  

Anarchia.com non è in alcun modo collegato con le risorse gratuite recensite. L'aggiornamento
di questo sito avviene in modo saltuario, quindi, non può essere considerato una testata giornalistica
o un periodico o comunque un prodotto "editoriale".