ANARCHIA.com

Tutto gratis dalla rete, no a pagamento, no shareware, no trial, no demo, tutto ciò che è Free!
Risorse più viste - Ultime Risorse aggiunte - Risorse più votate - Risorsa casuale Contatti e Privacy -
Normativa Cookies

 

 

Home >> Pagina Precedente >> Dettaglio Risorsa Gratis

 

 

Sicurezza dei dati in Android


In breve:
Sappiamo tutti che gli smartphone Android ormai sono dei veri e propri computer con all'interno tante informazioni importanti. Non parliamo poi per chi li usa al lavoro... vediamo come proteggere questi dati in modo definitivo

Dettagli (articolo di Mario Mazzocchi ) :


Diciamo pure che la pigrizia è la peggior alleata dei dati archiviati sui nostri smartphone Android. Di solito ci si accorge troppo tardi di quanto siamo stati stupidi a non intervenire prima che accadano piccoli o grandi disastri  che riguardano le informazioni presenti sui nostri tablet o smartphone.
Una volta tanto cerchiamo allora di muoverci prima che accada qualcosa di brutto, in questo articolo faremo una breve trattazione su modalità e strumenti sulla protezione del nostro device Android da furti o perdite di dati.

Tante informazioni in mani estranee

Immaginate di dover perdere il vostro device Android, oltre al valore dell'hardware, quante informazioni, foto, messaggi, potrebbero essere estrapolati dal vostro apparecchio? E' il caso di pensarci seriamente al giorno d'oggi.

Una cosa che molti utenti fanno, per comodità, è quello di salvare le password per Internet o altri servizi sul proprio device. Magari usando nomi strani, nella rubrica telefonica o altri accorgimenti similari. Ancor più grave salvare in automatico le password nei browser per accedere velocemente a Facebook, Twitter, Gmail, in questo caso tutti i vostri dati sarebbero alla mercè di chiunque entrasse in possesso del device. I ladri conoscono perfettamente queste brutte "usanze" e spesso riescono a trovare rapidamente le informazioni. (Non parliamo poi dei numeri delle carte di credito memorizzate!)
Il consiglio principale se proprio vi risulta comodo "archiviare" password sul vostro smartphone/tablet è quello di continuare a farlo, ma usando prodotti certificati che non possono essere scardinati.

Due programmini per Android gestiscono per voi tutte le password
archiviandole e criptandole con un'unica password. Quindi, per sbloccare tutte le applicazioni con password dovrete ricordarvi un'unica password, magari tenendola a mente (mai sul device) e avrete tutte le vostre password memorizzate al sicuro o pronte da essere usate, come sempre.
Potete usare due prodotti gratuiti e potenti come aWallet o Keepass2Droid. Giusto 10 minuti per impostarli e non avrete più problemi, combattete la vostra pigrizia e fatelo!

Impostazioni base di sicurezza per Android

Non volete installare uno dei due precedenti programmini per la sicurezza? Allora almeno "bloccate" con un Pin o una sequenza touch il vostro device.
Una volta che il vostro Android andrà perso o rubato, non ci saranno possibilità: solo un reset totale che cancellerà tutti i dati in esso contenuto potrà consentirne l'uso. Avrete perso il cellulare, ma nessuno potrà accedere alle vostre informazioni e foto.
A noi piace molto utilizzare la sequenza di blocco che in pratica è la sequenza del movimento del dito sullo schermo. Dovrete collegare alcuni punti dello schermo in uno schema predefinito per sbloccare il telefono, dai 4 ai 9 punti collegati fra di loro: certo, se qualcuno vi vedesse usare la sequenza, mentre lo sbloccate, potrebbe ricordarsi il tutto, dovrete solo usare l'accortezza di non farvi vedere quando lo utilizzate, ma è efficace e pratico.
Il percorso per attivarlo è: Protezione > Imposta sequenza di blocco. E' possibile anche deselezionare usa sequenza visibile, così che chi vi guarda difficilmente riuscirà a capire la sequenza di sblocco.


Sequenza di blocco su Android

Una raccomandazione
: per le prime prove usate sequenze facili poichè è a tutti gli effetti una password e se non ve la ricordate potreste andare davvero nei guai per il recupero dell'accesso.

Chiudere con una password alcune applicazioni Android

Vostro figlio/a prende spesso in mano il vostro smartphone o tablet Android per curiosità o per giocarci?
Non sarebbe meglio allora bloccare alcune applicazioni Android che usate e che hanno contenuti magari poco adatti? Magari potrebbe essere Gmail, un browser, una applicazione visualizzatrice di foto e filmati, una applicazione di Sms.
Con AppLock  potrete "chiudere" con password una o più applicazioni Android che avete installato sul vostro device. Dopo l'installazione Applock richiede di inserire un codice di blocco e un indirizzo email per un eventuale recupero della password dimenticata.
L'applicazione visualizzerà tutte le app installate sul device Android e potrete scegliere una per una quali bloccare. Naturalmente AppLock non potrà essere disinstallato o "terminato" senza conoscere la password. Potrete anche impedire la risposta alle telefonate.
Una applicazione che può davvero tornare utile in diverse occasioni.

Un antivirus per Android
Dr.Web per Android

La protezione dei nostri dati passa anche per l'installazione di un antivirus che può impedire ad un eventuale malware il furto di dati e foto (è capitato spesso in passato, soprattutto a personaggi famosi). Per Android abbiamo recentemente scritto due articoli sugli antivirus gratuiti: un prodotto molto potente e sofisticato è senz'altro Avast antivirus gratis per Android (con tante funzioni aggiuntive, come antifurto e localizzazione cellulare), un altro antivirus per Android, più semplice e leggero (ma non per questo meno efficace) è Antivirus Dr.Web per Android.

Backup device Android

Altra cosa importante per la salvaguardia dei dati del proprio smartphone è senz'altro un backup effettuato in modo frequente. Naturalmente con le varie app potrete salvare in automatico tutte le vostre foto ed immagini in Google+ o Dropbox. Oppure usare delle applicazioni gratuite di backup Android come questa: Super Backup. Non richiede i permessi di root e permette di fare il backup di tutto il vostro Android device. Abbiamo fatto una prova con gli Sms e i messaggi di Whatsapp: ripristinate tutte le conversazioni in pochi secondi e senza alcun problema!

Cancellazione sicura e totale dati su Android

Per ultimo, invece, se volete davvero che alcune informazioni come testi, foto o immagini sia cancellati per sempre dal vostro device Android, senza più alcuna possibilità di recupero, consigliamo una piccola applicazione in lingua inglese che, a vostra richiesta, distruggerà singoli file per sempre, con cancellazioni sicure e definitive. Link: Secure delete Android.

 Info su questa risorsa gratuita 
:: Inserito: 14 03 2014 :: Aggiornato: 14 03 2014 :: :: Punteggio: 0.00 (0 votes) ::
:: Clicks in questo mese: 1 :: Clicks totali: 20 :: Commenta questa risorsa :: Segnala un errore


 Trova altre risorse Gratis simili in questa categoria 
Telefonia, Cellulari, Smartphone - Programmi Gratis Smartphone - Applicazioni Gratuite per Android

 Commenti degli utenti su questa risorsa gratuita 

Nuovi Articoli

Usare Chrome con Tor per essere anonimi
Immagini infette su Facebook e Linkedln
Falla pericolosa nel browser Firefox
LibreOffice documenti in formato Word ed Excel
Ricaricare il cellulare in pochi secondi
Vecchie versioni di programmi
Rendere Dropbox sicuro
Administrator Windows blocca i programmi
La concorrenza di Amazon Music
Impedire esecuzione di un Crypto virus
Trucco per installare sempre Windows 10 gratis
Assistenza con voce dallo Smartphone
Come attivare Tim 4G gratis
Siti online gratuiti per creare video
Programma WhatsApp per chat da Pc
Come ottenere il rimborso per una App
Scadenza upgrade Windows 10
Google Youtube concorrenza a Netflix
Guida per collegare il Pc alla Tv
Open365 un Office online gratuito
Canva programma grafica professionale online
Come riconoscere le bufale in Internet
WhatsApp nuovi aggiornamenti dell'app
Roaming europeo nuove tariffe
Browser velocissimo per Windows e Macintosh

 

Nuovi articoli

  

Anarchia.com non è in alcun modo collegato con le risorse gratuite recensite. L'aggiornamento
di questo sito avviene in modo saltuario, quindi, non può essere considerato una testata giornalistica
o un periodico o comunque un prodotto "editoriale".