ANARCHIA.com

Tutto gratis dalla rete, no a pagamento, no shareware, no trial, no demo, tutto ciò che è Free!
Risorse più viste - Ultime Risorse aggiunte - Risorse più votate - Risorsa casuale Contatti e Privacy -
Normativa Cookies

 

 

Home >> Pagina Precedente >> Dettaglio Risorsa Gratis

 

 

Una Cheerleader minaccia Internet


In breve:
I mega siti del Web da Facebook a Google, da Twitter ad Amazon corrono il rischio di subire un clamoroso tracollo per una sentenza giudiziaria che potrebbe essere confermata in appello...

Dettagli (articolo di Mario Mazzocchi ) :

Internet in pericolo

Qui non si parla di virus, hacker o sistemi informatici per aprire i colossi del web come scatolette tramite accessi abusivi, ma allo stesso tempo potrebbe accadere una rivoluzione, ed Internet sarebbe fortemente ridimensionato se una vicenda giudiziaria statunitense molto particolare venisse confermata in appello.
Un po' come la famosa sentenza Bosman nel calcio, questa sentenza, attesa con ansia, sarebbe ancor ben più grave e catastrofica paralizzando quasi interamente Internet.

Il caso Sarah Jones

La vicenda è iniziata nel dicembre 2012 quando un sito, TheDirty, abbastanza famoso negli Stati Uniti per essere un portale di gossip e scandali, ha riportato che l'ex cheerleader Sarah Jones sarebbe andata a letto con quasi tutti i giocatori del Cincinnati Bengals, una squadra di footbal dove Sarah Jones era una cheerleader. E non solo, questa intensa attività sessuale avrebbe provocato diverse malattie sessuali alla ragazza.
In realtà queste dichiarazioni, certamente pesanti, erano state fatte tramite un commento di un utente del sito e non direttamente dal portale stesso. I commenti dei lettori online sono specificatamente protetti da una Legge ben precisa negli Stati Uniti (Decency Act), che non coinvolge il sito nei giudizi degli utenti, ma la diffamazione è imputabile, eventualmente, solo a chi scrive il giudizio.

Nel Luglio del 2013, invece, il giudice Bertelsman ha giudicato sostanzialmente falsa la storia, rifiutando le giustificazioni legali del sito e punendo direttamente il portale TheDirty con una somma di 338 mila dollari da devolvere alla ex cheerleader.

In caso di conferma in appello quasi tutta Internet è fuorilegge

Una sentenza del genere, forse decretata anche da un giudice non molto ferrato su come funzioni Internet, è devastante. In caso di definitiva conferma nella seconda istanza i siti web sarebbero sempre responsabili direttamente di ogni commento di ogni utente e qualsiasi soggetto privato potrebbe ritenersi offeso per qualsiasi motivo offrendo un potere illimitato di censura.
Pensate solo a Facebook, con milioni di commenti quotidiani, Mark Zuckerberg sarebbe continuamente trascinato in tribunale per tutto ciò che gli utenti pubblicano liberamente sul social network dove un controllo istantaneo è praticamente impossibile.

Internet tornerebbe indietro di 10 anni

La libertà di pubblicare, la condivisione, sarebbero perciò impossibili per Facebook, Google, Twitter, ma anche Youtube, Instagram, Amazon e i tantissimi forum, gruppi di discussione... tutto bloccato, per sempre!
La cosa davvero grave è che negli Stati Uniti la sentenza di un giudice diventa un precedente giuridico e coinvolgerebbe ogni causa successiva. La previsione è di centinaia di migliaia di richieste in pochi mesi (da paralisi del sistema giudiziario oltre che di Internet).

Ora si attende la sentenza della Corte d'Appello, in caso di conferma l'ultimo tentativo sarà il ricorso alla Corte Suprema.
Possibile che gli Stati Uniti, con tutti i colossi del Web che includono, siano pronti ad "uccidere" Internet?

 Info su questa risorsa gratuita 
:: Inserito: 03 05 2014 :: Aggiornato: 03 05 2014 :: :: Punteggio: 0.00 (0 votes) ::
:: Clicks in questo mese: 4 :: Clicks totali: 59 :: Commenta questa risorsa :: Segnala un errore


 Trova altre risorse Gratis simili in questa categoria 
Costume e Societa'

 Commenti degli utenti su questa risorsa gratuita 

Nuovi Articoli

Usare Chrome con Tor per essere anonimi
Immagini infette su Facebook e Linkedln
Falla pericolosa nel browser Firefox
LibreOffice documenti in formato Word ed Excel
Ricaricare il cellulare in pochi secondi
Vecchie versioni di programmi
Rendere Dropbox sicuro
Administrator Windows blocca i programmi
La concorrenza di Amazon Music
Impedire esecuzione di un Crypto virus
Trucco per installare sempre Windows 10 gratis
Assistenza con voce dallo Smartphone
Come attivare Tim 4G gratis
Siti online gratuiti per creare video
Programma WhatsApp per chat da Pc
Come ottenere il rimborso per una App
Scadenza upgrade Windows 10
Google Youtube concorrenza a Netflix
Guida per collegare il Pc alla Tv
Open365 un Office online gratuito
Canva programma grafica professionale online
Come riconoscere le bufale in Internet
WhatsApp nuovi aggiornamenti dell'app
Roaming europeo nuove tariffe
Browser velocissimo per Windows e Macintosh

 

Nuovi articoli

  

Anarchia.com non è in alcun modo collegato con le risorse gratuite recensite. L'aggiornamento
di questo sito avviene in modo saltuario, quindi, non può essere considerato una testata giornalistica
o un periodico o comunque un prodotto "editoriale".