ANARCHIA.com

Tutto gratis dalla rete, no a pagamento, no shareware, no trial, no demo, tutto ciò che è Free!
Risorse più viste - Ultime Risorse aggiunte - Risorse più votate - Risorsa casuale Contatti e Privacy -
Normativa Cookies

 

 

Home >> Pagina Precedente >> Dettaglio Risorsa Gratis

 

 

Twitter ostaggio dei Troll


In breve:
Una catastrofe: utenti che se ne vanno, investitori che perdono interesse nel titolo, Twitter sta perdendo rapidamente terreno tra i social. A rischio la sua stessa esistenza?

Dettagli (articolo di Mario Mazzocchi ) :

twitter troll problema

Ormai è ufficiale: lo stesso chief executive di questo importante social globale, Dick Costolo, ammette che Twitter è ormai in pericolo a causa dei Troll (link con spiegazione). Un rapporto che doveva rimanere interno, tra i dirigenti di Twitter, è sfuggito dall'interno dell'azienda ed è stato pubblicato su un noto sito statunitense, The Virge.

Insulti, molestie, vere e proprie aggressioni

Twitter è diventato nel tempo, a causa anche della sua popolarità che ha enormemente allargato l'utenza, un coacervo di pulsioni umane, insulti, il tutto quasi senza controllo date le dimesnioni del network. Occorrerebbero centinaia di migliaia di moderatori per esaminare tutto il traffico quotidianamente riversato sul social, ma questo è impossibile. E gli algoritmi non riescono a tener sotto controllo ed applicare, in automatico, delle sanzioni.

Il successo di Twitter è a rischio, le volgarità gratuite stanno facendo allontanare parecchi vecchi iscritti e anche gli investitori si stanno chiedendo se è ancora un modello di business da supportare nel futuro. Il testo dello sfogo creato da Dick Costolo, il numero uno di Twitter, era circolato tra i dipendenti dell'azienda con queste parole: "Non sto certo rivelandovi un segreto industriale sul fatto che ormai molta gente è insoddisfatta dei livelli di volgarità che ha raggiunto il nostro social network. Poche centinaia di migliaia di Troll stanno mettendo a rischio la pazienza di milioni e milioni di utenti regolari e molti vecchi utenti ci hanno già abbandonato".

Come anche nel link di Wikipedia è spiegato, i Troll, nel gergo informatico, sono persone che sfruttano la Rete solo per gettare discordia, offendere gratuitamente, litigare e divertirsi ad osservare le reazioni piccate di utenti "regolari". Un caso clamoroso è stato quello della giornalista e scrittrice: Lindy West. I suoi molestatori, su Twitter, l'hanno aggredita verbalmente in tutti i modi, ma addirittura sono arrivati a creare falsi account intestati a suo padre, morto anni prima, per scrivere commenti e insulti sul suo profilo.

L'anonimato scatena gli impulsi più biechi

Certamente non è solo un problema di Twitter, ne avevamo parlato anche in questo articolo: Ask.fm, il social network pericoloso, e un altro articolo interessante, per approfondire, è senz'altro come Facebook influenza la nostra società. E' vero che su Internet talvolta non si riesce a rimanere anonimi, ma se ci protegge con l'anonimato tramite alcuni accorgimenti, diventa poi molto difficile e costoso rintracciare i molestatori.

Facebook, d'altro canto, è strutturato in modo diverso da Twitter. Nel social di Zuckerberg i metodi per isolare i Troll funzionano meglio perchè lo stesso utente può cancellare messaggi offensivi o espellere dalla propria lista di "amici" le persone volgari o moleste (anche se non è sempre così facile con gli stalker seriali). Occorre anche dire che o dispostivi sulla tutela della privacy, automatici e non, funzionano molto meglio rispetto a Twitter.

Un problema finanziario non solo etico

Gli investitori incominciano ad essere delusi, dalla quotazione in Borsa, avvenuta il 7 Novembre 2013, l'andamento del titolo è stato poco soddisfacente. Occorre poi tener conto degli utenti "attivi", in Twitter ci sono 500 milioni di iscritti, ma poco più della metà risultano attivi. Probabile che molti siano anche spaventati dall'aggressività che si scatena nel social quando vengono pubblicati Tweet che possono alimentare discussioni.

Clamoroso l'esempio di un'altra scrittrice americana, Anita Sarkeesian, femminista, che si era permessa di pubblicare un Tweet sul sessismo di alcuni videogame (argomento per altro non assurdo). La vendetta di alcuni maniaci dei videogame si era scatenata immediatamente con reazioni molto pesanti: dai semplici insulti, all'incitazione allo stupro della donna, fino a twittarle di suicidarsi.

L'emorragia degli utenti da Twitter è ormai evidente: correre ai ripari sarà difficile, ma sarà obbligatorio farlo, pena la stessa sopravvivenza di Twitter, e, naturalmente, della carriera di Dick Costolo.

Il nostro consiglio è di leggere anche: regole di comportamento in Facebook e molto interessante anche l'articolo su uno dei social più in voga al momento, educazione con WhatsApp.


 Info su questa risorsa gratuita 
:: Inserito: 08 02 2015 :: Aggiornato: 08 02 2015 :: :: Punteggio: 0.00 (0 votes) ::
:: Clicks in questo mese: 0 :: Clicks totali: 35 :: Commenta questa risorsa :: Segnala un errore


 Trova altre risorse Gratis simili in questa categoria 
Computer - Informatica - Manuali gratis - Guide alle Reti Sociali

 Commenti degli utenti su questa risorsa gratuita 

Nuovi Articoli

Usare Chrome con Tor per essere anonimi
Immagini infette su Facebook e Linkedln
Falla pericolosa nel browser Firefox
LibreOffice documenti in formato Word ed Excel
Ricaricare il cellulare in pochi secondi
Vecchie versioni di programmi
Rendere Dropbox sicuro
Administrator Windows blocca i programmi
La concorrenza di Amazon Music
Impedire esecuzione di un Crypto virus
Trucco per installare sempre Windows 10 gratis
Assistenza con voce dallo Smartphone
Come attivare Tim 4G gratis
Siti online gratuiti per creare video
Programma WhatsApp per chat da Pc
Come ottenere il rimborso per una App
Scadenza upgrade Windows 10
Google Youtube concorrenza a Netflix
Guida per collegare il Pc alla Tv
Open365 un Office online gratuito
Canva programma grafica professionale online
Come riconoscere le bufale in Internet
WhatsApp nuovi aggiornamenti dell'app
Roaming europeo nuove tariffe
Browser velocissimo per Windows e Macintosh

 

Nuovi articoli

  

Anarchia.com non è in alcun modo collegato con le risorse gratuite recensite. L'aggiornamento
di questo sito avviene in modo saltuario, quindi, non può essere considerato una testata giornalistica
o un periodico o comunque un prodotto "editoriale".