Google foto è meglio di iCloud foto

google photo icloud photo

Ecco perché Google foto, per salvare le vostre foto online, è meglio di iCloud.

Possedete un iPhone o un iPad? E’ meglio usare Google Foto o iCloud Foto per memorizzare e gestire le nostre immagini? Noi crediamo che Google Foto sia superiore ad iCloud.

Alcuni sostengono che iCloud foto sia superiore a Google foto, ma noi pensiamo esattamente il contrario per diversi modi.

Ecco perché scegliamo Google foto rispetto a iCloud foto di un dispositivo iOS.

Google foto è più economico

I due servizi hanno una differenza di prezzo sicuramente considerevole.

Come gli utenti di iOS e macOS sanno, Apple fornisce ai suoi utenti solo 5 Gbyte di spazio libero. Le foto caricate dal vostro dispositivo mobile e desktop/laptop avranno comunque questo limite.

Quando si includono anche i backup di Time Machine, file condivisi e altri dati basati sul cloud, è possibile raggiungere il limite dei 5 Gbyte in pochissimo tempo.

A questo punto dovete considerare che lo spazio extra non è economico. 50 Gbyte costano 0,99 dollari al mese, 200 GBbyte 2,99 dollari al mese e 2 TB 9,99 dollari al mese. Se state pensando di utilizzare l’applicazione per la vostra intera libreria fotografica, avrete quasi certamente bisogno di pagare dello spazio extra.

Invece Google foto offre molto più spazio di archiviazione gratuito: a tutti gli utenti 15 Gbyte di spazio libero. Nel caso poi accettiate una risoluzione ridotta (fino a un massimo di 16 megapixel), potrete addirittura memorizzare un numero illimitato di foto senza incidere sui vostri 15 Gbyte di spazio gratuito.

Memorizzare foto ad un massimo di 16 megapixel non comporterà una perdita di qualità delle foto scattate con il tuo iPhone. Pensate che anche gli ultimi iPhone X e iPhone XS hanno fotocamere da 12 megapixel. Potreste perdere un po’ di qualità solo, ed eventualmente, per foto scattate con fotocamera di qualità professionale.

Una caratteristica importante di Google foto è che può anche ridimensionare automaticamente le foto man mano che le caricate, così non raggiungerete il vostro limite di archiviazione di colpo.

Tenete presente che 16 megapixel sono più che sufficienti per stampare una fotografia 60 x 40 cm senza alcuna perdita di qualità!

Google foto offre supporto multipiattaforma

Ormai quasi tutti noi utilizziamo diversi sistemi operativi. Infatti, anche se siete dei fan dell’hardware Apple, quasi sicuramente vi capiterà di entrare in contatto con altre piattaforme al lavoro, a scuola o a casa di familiari e amici.

Google foto ti consentirà sempre di accedere alle tue immagini tramite diversi sistemi operativi. E’ infatti compatibile con applicazioni mobili Android ed iOS, applicazioni web e si può anche caricare l’applicazione su dispositivi come Android TV, l’Amazon Fire TV Stick, e smart TV. C’è anche un’applicazione desktop per poter eseguire il backup delle foto da Windows o macOS.

Apple iCloud foto non è allo stesso tempo così duttile. E’ preinstallato su tutti i dispositivi iOS, c’è un’applicazione Windows e una web app, ma gli utenti Android sono esclusi. Così come le persone che vogliono accedere alle loro foto su altri dispositivi intelligenti che hanno in casa.

Google foto include ottime opzioni di ricerca

Lo sappiamo tutti: Google gestisce il motore di ricerca più sofisticato del mondo, quindi non sorprende sapere che l’intelligenza artificiale su cui si basa Google foto è altrettanto potente ed impressionante per la sua efficacia.

Ogni volta che si carica una nuova immagine su Google foto, l’applicazione scansionerà la foto e stabilirà chi o cosa è presente nell’immagine.

Pensate che addirittura è possibile digitare frasi come “il mio cane”, “Roma”, o “in spiaggia con Alfredo Rossi” e Google Photo sarà in grado di trovare tutte le immagini che corrispondono ai criteri, in pochi secondi!

Apple in questo campo è davvero molto indietro, non ha nulla che possa competere con questa formidabile caratteristica. La ricerca di un’immagine nella tua libreria di foto di iCloud foto, dovrà essere fatta per data o, addirittura, trovarla manualmente.

Non c’è proprio paragone, soprattutto quando l’archivio di foto comincia ad essere davvero grande e copre diversi anni.

Certo, è possibile aggiungere dei tag alle foto di iCloud foto per facilitare la ricerca, ma la maggior parte di noi non ha il tempo di farlo o è troppo pigro. Google invece fa tutto per noi, in automatico.

Google foto ti aiuta a condividere

Condividere su iCloud foto non è affatto male. In effetti, per certi versi, è superiore a Google foto. Ad esempio, se si desidera condividere una foto via e-mail, con iCloud foto, il destinatario riceverà delle copie del file immagine; Google foto vi indirizza all’applicazione web.

Tuttavia, quando si tratta di condividere l’intera libreria, Google foto è meglio di iCloud foto grazie ai suoi account partner.

Un Account Partner ti dà la possibilità di condividere la tua intera libreria fotografica con un altro utente. Allo stesso modo, un altro utente può condividere la propria libreria con te, quindi i due set di foto possono essere integrati insieme.

Se non si desidera dare a qualcuno l’accesso all’intera libreria, è possibile “frammentare” l’accesso. Potrete decidere solo la condivisione della foto di una particolare persona (come tuo figlio) o solo la visualizzazione di foto più vecchie a cominciare da una certa data specifica.

Apple ha una funzione “Family Sharing” che ingloba un album di foto di famiglia condivise, ma dovrai aggiungere manualmente ogni foto per permettere alle altre persone di vederla.

Possibile che iCloud foto non abbia alcun punto a favore rispetto a Google foto?

In realtà iCloud ha alcuni vantaggi che Google foto non può eguagliare:

Modifica foto: iCloud foto offre strumenti di editing più ampi rispetto a Google foto;

Metadati: a differenza di iCloud foto, qualsiasi foto scaricata successivamente da Google foto non includerà i metadati originali dell’immagine.

Le foto sono probabilmente tra i file più preziosi che possediamo, contengono spesso dei ricordi impossibili da recuperare in caso di perdita.

Potrebbe anche essere una buona soluzione usare sia Google foto che iCloud foto: sfrutterete in questo modo le parti migliori di entrambe le app, compresa la perfetta integrazione di iCloud foto tra altri prodotti Apple e i generosi limiti di archiviazione di Google foto.

Leggi anche: modifica foto online con un programma gratis professionale come Canva

Lascia un commento e ti risponderò!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!