Quanto consuma un computer sempre acceso?

quanto consuma computer sempre accesoQuanto consuma un computer sempre acceso? Ormai capita spesso, in diverse famiglie, soprattutto dove ci sono figli adolescenti, che il Pc fisso rimanga continuamente acceso, anche di notte. Per rispondere a questo domanda occorre anche sapere il tipo di attività svolta e conoscere altri fattori. E’ comunque possibile fare una stima di massima…

Generalmente un Pc fisso moderno consuma tra i 65 e i 25 Watt all’ora, dipende ovviamente anche dalla dotazione dell’hardware e dall’utilizzo.
Ridurre i consumi energetici di una famiglia non è facile poiché, soprattutto con i figli, è un continuo rincorrere tagliando sprechi energetici che vengono fatti con leggerezza. Spesso, con un uso razionale e diminuendo la frequenza dell’utilizzo di elettrodomestici, si può comunque incidere positivamente sulla bollette, calcolando anche, però, che l’Italia è uno di quei paesi europei in cui il costo orario dell’energia elettrica è fra i più alti.

Possiamo subito affermare che un Pc fisso non consuma tanta elettricità, soprattutto nelle ore notturne e con il monitor spento. E’ anche vero che ogni pezzo hardware comporta un consumo di energia differente e variabile sia nei diversi orari della giornata, sia all’utilizzo che se ne sta facendo. Un esempio è quello della ventola per il raffreddamento dei componenti, non consuma sempre la stessa energia oraria perché solo quando il computer è in fase di elaborazione (sviluppando più calore) è probabile che si accenda o aumenti di velocità.

Ovviamente la quantità di consumo dipende anche dal modello del Pc utilizzato: esistono computer fissi con elevate prestazioni, di solito quelli utilizzati per giocare in 3D o giochi online complessi, mentre un Pc meno “pompato”   per navigare in Internet o attività di ufficio consuma molto meno.

Non sarà, quindi, mai possibile dare indicazioni molto precise su quanto consuma il tuo Pc fisso, è possibile dare un range, una indicazione di massima, giusto per avere una idea nel caso lasciate il vostro Pc acceso giorno e notte.

Una indicazione può venire dall’etichetta presente su tutti i computer fissi: viene indicata l’energia massima teorica a cui il Pc potrebbe accedere durante uno sforzo di picco. Magari sull’etichetta troverete 350 Watt, non significa che quando acceso consumerà quell’energia per ora, ma mediamente potrebbe attestarsi sui 150 – 180 Watt a regime.

Quanta corrente elettrica consuma un computer fisso?

I computer fissi contengono hardware che utilizzano più energia di altri tipi di computer: tablet, notebook. Facendo un po’ di conti a spanna, si possono calcolare 65-70 Watt a riposo fino a 200-250 Watt quando è impegnato in elaborazioni complesse (tipo appunto giochi in 3D). Il consumo del monitor è un qualcosa da aggiungere al conto finale: uno schermo LCD potrebbe attestarsi dai 15 ai 70 Watt l’ora (dipende anche dalle dimensioni), un piccolo risparmio nel caso si tratti di uno schermo a Led.

La scheda video è il comparto hardware che, se sollecitata in calcoli complessi, è il “pezzo” che consuma di più in un Pc fisso. Pensate che in attività estreme, con Pc per gaming “corazzati” e durante il pieno utilizzo può anche arrivare a 250 Watt l’ora. Mediamente, però, per un utilizzo “normale” il consumo si attesta intorno ai 60-70 Watt l’ora.

Il computer in stand-by ha un consumo davvero minimo, soprattutto la notte, quindi, se avete impostato lo stand-by automatico, un Pc fisso consuma pochissimo (anche perché il monitor è spento).

In soldoni, alla fine, quanto costa tenere sempre acceso un computer fisso?

Passiamo allora ad una cifra che possa comunque darvi una idea, anche se è un conto generalizzato. Potremmo ipotizzare un prezzo al kWh di 0,05€ mediando tutte le fasce orarie e allora avere un computer fisso acceso per 24 ore  potrebbe comportare un costo annuale, sempre in relazione al tipo di utilizzo più o meno intenso del Pc, che si potrebbe aggirare sui 35-90 euro l’anno. Pensavate peggio?

In effetti un computer fisso non consuma poi molta corrente ed incide davvero parzialmente sulle bollette. Di tutti gli elettrodomestici in casa è quello che consuma davvero meno.

One Response

  1. MISTERX 23 novembre 2017

Lascia un commento e ti risponderò!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.