Problemi Wi-Fi come risolvere

problema connessione wifi

Come risolvere i problemi Wi-Fi quando non si riesce a navigare

La classica X rossa sulla rete wireless o l’icona Wi-Fi che appare nella barra delle applicazioni di Windows. Oppure il tuo smartphone che ti avverte che non c’è una connessione wireless. Una rete wireless non disponibile quando in realtà ci sono. Come risolvere questi problemi di connessione alla rete Wi-Fi? Ecco una guida dettagliata.

Quando capita un problema di connessione wireless ad Internet ci si sente isolati dal Mondo, naturalmente, per la famosa legge di Murphy accade sempre nei momenti peggiori. Dovete inviare documento, esaminare dei dati tecnici online, informarvi per rispettare delle scadenze, senza Internet vi sentite persi.

E’ una brutta situazione, spesso però, i problemi di connessione al Wi-Fi possono essere risolti con una certa facilità. Ecco allora alcuni passi risolutivi di questo problema e le opzioni disponibili.

I problemi più comuni di mancata connessione ad Internet

Spesso i problemi si creano per la caduta di segnale, la connessione wireless è valida, ma non c’è alcuna connessione ad Internet.

Innanzitutto è importante controllare che il Wi-Fi sia abilitato sul dispositivo. Capita, infatti, che su notebook e smartphone le funzionalità wireless siano state disattivate tramite un bottone fisico presente sul dispositivo.
Altri dispositivi consentono di attivare/disattivare il Wi-Fi tramite il software del sistema operativo.

Quindi, la prima cosa da controllare, è se la connessione wireless è semplicemente disabilitata. Cercate il pulsante, oppure verificate nel sistema operativo.

Nel caso di un computer portatile, cercate un interruttore hardware o un tasto funzione speciale in grado di accendere e spegnere il wireless. E’ relativamente facile da trovare, forse avete commutato questo interrutore per sbaglio, in passato.

Nel caso utilizziate un adattatore di rete wireless USB esterno, verificate che sia collegato correttamente. Potreste anche provare una porta USB diversa ed osservare se si illumina il led del dispositivo segnalando che almeno è alimentato correttamente.

Attivare il Wi-Fi nelle impostazioni del sistema operativo

Un altro posto in cui cercare è nelle impostazioni del dispositivo. Potrebbe essere necessario farlo sul telefono, sul desktop, sul computer portatile, su Xbox.

In Windows, all’interno del Pannello di controllo, cercate le impostazioni “Opzioni alimentazione” e scegli Cambia impostazioni avanzate di alimentazione per assicurarti che l’opzione Impostazioni dell’adattatore wireless non sia impostata su una modalità “risparmio energetico”. Qualsiasi cosa che non sia “Prestazioni massime” potrebbe influire negativamente sulle prestazioni dell’adattatore e sulla connessione.

Verificate anche che l’adattatore wireless non sia disabilitato dall’elenco delle connessioni di rete nel Pannello di controllo. Per fare ciò, eseguire il comando di controllo delle connessioni di rete in Esegui o Prompt dei comandi e verificare la presenza di tutte le reti rosse elencate.

Potrebbe anche accadere che l’adattatore wireless sia stato disattivato in Gestione periferiche. Quindi sarà necessario riattivarlo per risolvere rapidamente il problema.

In caso abbiate fra le mani un iPhone, iPad o dispositivo Android che non visualizza sullo schermo alcuna connessione wireless, andate in Impostazioni ed individuate l’opzione Wi-Fi. Dovrete essere certi che l’impostazione Wi-Fi sia abilitata (verde quando è abilitata su iOS, e blu sulla maggior parte degli androidi, comunque la vedrete illuminata quando attiva).

Spostarsi più vicini al router wireless

Capita spesso che il dispositivo “veda” il Wi-Fi, ma che non vi dia l’accesso. Ma come è possibile? Siete sicuri che la password è quella giusta!

Finestre, pareti, mobili, mobili, telefoni cellulari, oggetti metallici e ogni sorta di altri ostacoli possono influire indebolendo la potenza del segnale wireless e rifiutare poi la password.

Cisco, leader mondiale di apparati di rete, ha recentemente diffuso uno studio dove indica che le microonde possono degradare la velocità di trasmissione dei dati fino al 64%. Anche videocamere e telefoni analogici senza fili possono creare una velocità di trasmissione dei dati ridotta del 100%, in pratica nessuna connessione dati.

Nel caso possiate farlo, quindi, avvicinatevi alla fonte del segnale wireless. Nel caso vi accorgiate che questo risolve il problema e la connessione wireless funziona bene, eliminate le possibili interferenze o spostate strategicamente il router altrove, come in una posizione più centrale.

Leggi anche: come analizzare la portata del WiFi a casa

Una buona soluzione sarebbe anche quella di comprare un classico ripetitore Wi-Fi. In caso di muri portanti, cemento armato o altro che rendono difficile la diffusione di un segnale radio, sono ottimi i dispositivi che distribuiscono il WiFi sul circuito della corrente elettrica.

Riavviare o resettare il router Wi-Fi

Riavviare o fare il reset sono due cose molto diverse, ma sono due tentativi che potrebbero risolvere il vostro problema del Wi-Fi o anche migliorare la velocità di connessione ad Internet.

Capita spesso che il router Wi-Fi non venga spento da tempo, allora provate a riavviare il router per risolvere. Basta semplicemente chiudere e riaccendere il dispositivo dopo una ventina di secondi, un bottone sul retro o togliere la spina elettrica (non c’è alcuna controindicazione in questa metodica).

Il reset del router, invece, è un po’ più drastico. Resettare il software del router ripristinerà le impostazioni predefinite di fabbrica. Tenete presente che cancellerà definitivamente tutte le vostre personalizzazioni, come la password Wi-Fi e altre impostazioni. Cercate le istruzioni cartacee o in rete come fare per la marca del vostro dispositivo.

Verificare l’SSID e la password

L’SSID è praticamente il nome della rete Wi-Fi. Di solito viene memorizzato su qualsiasi dispositivo precedentemente connesso, ma se non viene più salvato, per qualsiasi motivo, il telefono o altro dispositivo wireless non si connetterà più automaticamente.

Potrà sembrare banale, ma controllate che sia la rete giusta a cui si desidera accedere. Ad esempio, se l’SSID per la rete del tuo ufficio si chiama “Ufficio srl”, siate sicuri che di scegliere quell’SSID dall’elenco e non un altro a cui non hai accesso.

Occorre anche dire che alcuni SSID sono nascosti ed è una piccola scocciatura in più. In questo caso dovrete inserire manualmente le informazioni SSID e non saranno, invece, recuperabili da una lista di reti disponibili.

Nel caso siate assolutamente certi che l’SSID è corretto, ricontrollare la password (a maggior ragione se è complicata) per assicurarsi che corrisponda alla password giusta. Potrebbe essere necessario parlare anche con l’amministratore per controllare i dati di accesso.

Attenzione che se avete resettato il router: non sarà più presente l’SSID precedentemente configurato, quindi non sarà più presente nell’elenco delle reti.

Controllate le impostazioni DHCP del dispositivo

La maggior parte dei router wireless sono configurati come server DHCP, quindi permettono ai computer e ad altri dispositivi client di collegarsi alla rete in modo automatico, senza che occorra inserire manualmente gli indirizzi IP.

Proprio per questo motivo dovrete controllare anche le impostazioni TCP/IP della scheda di rete wireless per assicurarsi che ottenga automaticamente le impostazioni dal server DHCP. Nel caso non possa ricevere automaticamente un indirizzo, è probabile che utilizzi un indirizzo IP statico, il che potrebbe creare problemi se la rete non è configurata con questa modalità.

Fare clic con il tasto destro del mouse sulla scheda di rete wireless e inserire e controllare le opzioni IPv4 o IPv6 per verificare come viene ottenuto l’indirizzo IP.

Passaggi simili possono essere fatti su un iPhone o iPad tramite l’applicazione Impostazioni nelle opzioni Wi-Fi. Toccare la (i) accanto alla rete che sta riscontrando il problema di connessione wireless e assicurarsi che l’opzione Configura IP sia impostata con utilizzo DHCP o manuale.

Nel sistema operativo Android andate in Impostazioni > Wi-Fi, quindi toccare il nome della rete. Utilizzate il collegamento Modifica per trovare le impostazioni avanzate che controllano gli indirizzi DHCP e statici.

Aggiornamento dei driver di rete e del sistema operativo

Un driver obsoleto del dispositivo può causare problemi con le connessioni di rete: il driver di rete potrebbe quindi essere vecchio, ma anche un nuovo driver può causare problemi, il router wireless potrebbe essere stato aggiornato di recente, ecc.

Provate anche ad eseguire prima un aggiornamento del sistema. In Windows, utilizzate Windows Update per scaricare e installare le correzioni o gli aggiornamenti necessari, sia per il sistema operativo che per qualsiasi adattatore di rete.

Leggi anche: forzare aggiornamento Windows 10

Sarebbe molto importante visitare anche il sito web del produttore della scheda di rete e verificare se ci sono aggiornamenti disponibili. E’ certamente un modo semplificato per aggiornare la maggior parte dei driver di rete. Verificate nei forum, tramite una ricerca su Google, se il vostro dispositivo wireless (scheda o esterno) abbia già dei problemi comuni discussi con altri utenti.

Leggi anche: come trovare la password in una rete Wifi

Windows può tentare di riparare i problemi wireless

Fate clic con il pulsante destro del mouse sull’icona della connessione di rete nella barra delle applicazioni e scegliere una delle seguenti voci: Diagnosi, Ripara o Diagnosi e riparazione, a seconda della versione operativo di Windows che avete sul vostro Pc o notebook.

E’ possibile arrivarci anche dal Pannello di controllo cercando Centro connessioni di rete e condivisione, trovate quindi l’adattatore Wi-Fi e fate un clic con il pulsante destro del mouse per scegliere una opzione di riparazione automatica.

Windows potrebbe anche avvertirvi che ci sono problemi con i DNS. In pratica vi collegate al Wi-Fi, ma non riuscite a navigare. Ecco allora un programmino italiano per cambiare facilmente i DNS.

Ad ogni modo tenete sempre presente che per emergenza, nel caso la vostra connessione in ufficio o a casa continui a non funzionare, potreste utilizzare il vostro telefono Android come router Wifi.

Leggi anche: problemi WiFi con Android

Lascia un commento e ti risponderò!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!