WiFi nazionale gratis

E’ nata la prima rete wireless unica italiana: navigare ovunque a costo zero. Il Wi-Fi in Italia adesso è gratis, troppo ottimisti? Vediamo di analizzare questa novità con un articolo dedicato.Una rete Wi-Fi enorme, che coprirà l’intero territorio nazionale italiano, addirittura in futuro potrà estendersi in tutta Europa, sempre gratuita! Navigare automaticamente dai principali luoghi senza preoccuparsi di nulla e con una registrazione universale con cui connettersi automaticamente dal nostro smartphone, ovunque saremo.

Il progetto WiFi Italia è già iniziato, per la precisione dal 13 luglio 2017, su iniziativa del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e dell’Agenzia per l’Italia Digitale. Un progetto interamente creato dal Governo italiano, presentato a Roma in presenza del ministro dei beni e delle attività culturali e
del turismo Dario Franceschini e del sottosegretario
del Mise Antonello Giacomelli.

Collegarsi alla nuova rete Wi-Fi nazionale gratuita

Per agganciare la rete WiFi nazionale italiana sarà sufficiente
installare sul proprio smartphone o tablet Android e iOS l’app WiFi Italia. (troverete il link in fondo all’articolo). Attualmente la  rete è attiva nei territori di Firenze (comune e provincia), Prato, altre zone della Toscana e dell’Emilia Romagna (costa romagnola), a Milano, Roma (comune e provincia), Bari, la provincia di Trento, alcune zone
del Polesine (Veneto) e in un primo museo (le Scuderie del Quirinale a Roma). Vi sono assicurazioni che entro Dicembre, anche tutte le stazioni ferroviarie faranno parte di questa nuova rete gratuita.

La Wi-Fi nazionale gratuita è progettata per estendersi (senza tempi biblici, si spera) a quasi tutta l’Italia, arrivando ad avere decine di migliaia di punti di accesso. Verranno inglobate diverse reti Wi-Fi pubbliche già presenti e accessibili a tutti senza pagare alcun abbonamento. Ad esempio le reti di Comuni, Regioni e Provincie che le hanno attivate negli anni scorsi (aderendo al progetto Free Italia Wi-Fi). Più avanti entreranno nel sistema nazionale anche le reti di alberghi e ristoranti incrementando notevolmente il numero degli hot spot Wifi gratuiti.

Registrazione e funzionamento del servizio

Installata l’app dedicata dovremo naturalmente registrarci, una volta confermata l’attivazione il riconoscimento sarà sempre automatico, ovunque sarà disponibile la rete WiFi sul territorio italiano. Contestualmente al luogo dove ci troveremo, l’app visualizzerà anche contenuti personalizzati di carattere turistico come informazioni su eventuali scioperi dei mezzi, aperture ed orari mostre e musei, ecc. L’app verrà continuamente aggiornata e potremo, in seguito, anche prenotare e pagare direttamente alcuni servizi come i biglietti dei mezzi pubblici o dei musei.

Proprio grazie al fatto che sarà una rete unica nazionale  avremo informazioni integrate ad ogni momento.
Secondo il governo Wi-Fi Italia permetterà di avere una
fotografia reale e completa del turismo del nostro paese. I dati non saranno ad appannaggio di un società estere Web (come accade adesso), ma di un intero paese, di un vero sistema pubblico senza secondi fini, anzi i dati potranno essere condivisi per lanciare startup innovative create dai giovani informatici italiani.

Attualmente il progetto WiFi Italia è ancora in fase di lancio e non sempre gli hot spot indicati come attivi risultano essere  effettivamente funzionanti. Dal Ministero dello Sviluppo Economico rassicurano, comunque, che la strada è ormai tracciata e anche se il lavoro da fare è ancora molto, il nostro Paese avrà finalmente la sua rete wireless nazionale.

Ecco dei software gratuiti utili nella ricerca di Wi-Fi libere a cui collegarsi. Ad esempio per i notebook un software per la ricerca reti come inSSider  che vi permette di verificare la presenza di Wi-Fi e la qualità del loro segnale. Un altro programmino è WirelessNetView che identifica anch’esso reti Wi-Fi alla portata del vostro computer fornendo molti dettagli sulle connessioni Wi-Fi trovate.

Altra notizia degna di nota (durante la presentazione del progetto Wi-Fi nazionale) è l’annuncio di una Wi-Fi molto più veloce anche in treno: il 4G. “Attualmente il Wi-Fi in treno è collegato a reti 3G, un’antenna per carrozza; quindi all’incirca 500 Kbps per viaggiatore”, ha spiegato Maurizio Gentile, amministratore delegato di Rfi. “Stiamo lavorando con gli operatori per abilitare il 4G da quest’anno e
così completare entro il 2018 l’upgrade al Wi-Fi.
Alla fine ci saranno circa 4 Mbps per viaggiatore”. “Inoltre stiamo installando, a partire dalla tratta Bologna-Firenze, nuove tecnologie per migliorare la ricezione in galleria”. Sarà quindi possibile viaggiare in treno connessi ad alta velocità.

Link: download app Wi-Fi Italia

Lascia un commento e ti risponderò!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.